La Nutrizionista Carla Frongia

Una persona non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene. Virginia Woolf

Pane fatto in casa (da me).

Da qualche tempo mi sto cimentando nel fare il pane a casa.


Qualche anno fa avevo provato e benché fosse abbastanza buono non avevo continuato e non mi ero appassionata.


Ora invece cerco farine buone e sane, metto i semi oleaginosi (come quelli di lino o di zucca), faccio prove diverse per ridurre al minimo il sale e il lievito…insomma sta diventanto una sorta hobby 😀


Ecco ingredienti e procedimento ma sappiate che io vado parecchio “ad occhio”, se volete quantità precise al milligrammo trovate comunque tantissime pagine e libri di cucina vera 😀 


Ingredienti:

2018-01-12 16.19.16

  • 1 kg di farina integrale

  • 1 panetto di lievito di birra da 25 gr (se avete il lievito madre meglio ancora!)

  • 10/15 gr di sale

  • acqua almeno 500 ml ma non vi so dire esattamente perché aggiungo man mano e decido in base alla consistenza, tenetene una brocca a portata di mano.

  • 30/40 gr di semi per 500 gr di farina, in questo caso specifico ho fatto un tipo ai semi di lino e un tipo ai semi di zucca.


Procedimento:


Non essendo molto pratica di panificazione ho letto un po’ di siti internet e ho fatto un mix di ciò che ho trovato 😀

In una ciotolina ho sminuzzato il lievito di birra, aggiunto dell’acqua tiepida e mescolato sino a totale scioglimento.

In una ciotola capiente ho messo circa 800 gr di farina e aggiunto prima il lievito, ormai ben sciolto, e poi piano piano altra acqua.

Non metto subito tutta la farina e tutta l’acqua perche poi “aggiusto” man mano.

Appena l’impasto risulta ben compatto, dopo circa 10 minuti di lavoro, lo chiudo con la pellicola e lo metto nel forno spento, in modo da evitare sbalzi termici all’esterno, e lo lascio per un’oretta.

A questo punto impasto di nuovo aggiungendo il sale e i semi,  e farina e acqua se necessario.

2018-01-02 18.34.34.jpg

Lavoro per altri 10 minuti e poi chiudo di nuovo tutto  e lascio lievitare tutta la notte. Credo si possa far lievitare molto meno ma a me vien comodo fare di notte cosi al mattino poi posso infornare subito e poi devo dire che non si sente per nulla il sapore del lievito con tutte queste ore.

2018-01-12 16.20.02.jpg


Passata la notte re-impasto velocemente e preparo le pagnotte, lasciandole altri 30/40 minuti a lievitare ancora. Accendo il forno, statico non ventilato, a circa 200°, metto uno stampo/ciotola con dell’acqua sul fondo (per avere un buon tasso di umidità nel forno) e appena è pronto inforno per circa 45 minuti ma anche in questo caso vi consiglio di controllare man mano la cottura.


Ecco il risultato di due “esperimenti” di queste settimane.

2018-01-03 15.45.16

2018-01-12 16.18.16


Un consiglio per i semi: semi di zucca e semi di girasole potete lasciarli interi o triturarli con il mortaio per esempio, invece i semi di lino e semi di chia hanno bisogno di essere lasciati ad ammollo per qualche tempo. Alcuni autori consigliano tutta la notte, altri qualche ora. Io ho optato per qualche ora :D. I semi di lino a questo punto creano una sorta di gel: al momento dell’impasto quindi dovrete aggiungere altra farina.

2018-01-12 16.28.17.jpg

Bisogna attuare questa procedura perché la cuticola dei semi come lino e chia è molto resistente e quindi se non si triturano o si mettono ad ammollo tutti i nutrienti rimarranno all’interno e noi non beneficeremo di tutte le ottime qualità presenti in essi. 


Come avrete notate c’è davvero poco sale ma il pane è risultato comunque molto saporito grazie alla farina integrale e alla presenza dei semi.

Devo dire la verità: è una gran soddisfazione fare il pane in casa!

Al prossimo aggiornamento!

Carla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Categorie

Follow La Nutrizionista Carla Frongia on WordPress.com

Statistiche del Blog

  • 88,695 hits

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 105 follower

Follow La Nutrizionista Carla Frongia on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 105 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: