La Nutrizionista Carla Frongia

Una persona non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene. Virginia Woolf

Porzioni corrette: come ingannare l’occhio senza soffrire

Esiste un modo di dire, l’occhio più grande della pancia, che si riferisce a quando ci accade di riempire un piatto oltremodo ma poi non riusciamo a finire tutta la quantità di cibo perché in realtà non abbiamo “ascoltato” lo stimolo della fame ma abbiamo seguito il senso della vista.


Succede poi spesso che, anche non avendo fame, se vediamo un alimento ci venga voglia di mangiarlo.

La vista è uno dei 5 sensi (vista, olfatto, gusto, udito, tatto) ma per noi “animali visivi” è uno dei più importanti.


Da questa premessa sono nati nel corso degli anni parecchi studi sull’effetto sugli esseri umani in riferimento per esempio alla grandezza del piatto o al suo colore (per esempio Wansink nel suo libro “Perché mangiamo senza pensarci” è illuminante).


Oggi vi faccio vedere in dettaglio quanto la grandezza del piatto e il suo colore siano importanti ai fini della quantità di cibo che mettiamo nel piatto, in modo quindi da avere dei “trucchetti” per non eccedere.


La dimensione del piatto:

ecco due immagini grazie alle quali potete constatare voi stessi quanto sia forte la distorsione che il nostro occhio percepisce benché la porzione sia la stessa.

porzioni-illusioni

Stessa porzione, piatti diversi per diametro.

 

 

 

piatti

Stessa porzione, piatti diversi per diametro. Illusione di Deboeuf

 


 

Il colore del piatto:

se la pietanza ha lo stesso colore del piatto si tende a metterne circa il 20% in più; se il colore invece è in contrasto si tende a “controllare” maggiormente e addirittura si arriva a mettere circa il 10% in meno.

Per esempio pasta in bianco su un piatto bianco si tenderà ad aumentare, pasta in bianco in un piatto colorato se ne metterà meno 😀

piatti-e-pietanze-750x439_10775

 

Fate voi stessi delle prove a casa e scoprirete che è tutto vero e quindi se avete necessità di controllare le porzioni questo si rivelerà un ottimo metodo da applicare senza fatica.

Al prossimo aggiornamento.

Carla

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

Follow La Nutrizionista Carla Frongia on WordPress.com

Statistiche del Blog

  • 109.906 hits

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 109 follower

Follow La Nutrizionista Carla Frongia on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 109 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: