La Nutrizionista Carla Frongia

Una persona non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene. Virginia Woolf

Cibo ed emozioni

 

La relazione “cibo-emozioni” è chiara ormai alla maggior parte di noi ma spesso ciò che non è chiarissimo è che tipo di emozione.

In studio una delle domande che pongo alla prima visita è: “Ti capita mai di mangiare per emozione?” e tantissime volte la risposta è sì, poi chiedo quale emozione e spesso la persona davanti a me mi guarda stupita “non ho mai fatto caso a quale emozione nel particolare”.

Allora do una mano io con qualche esempio: tristezza-rabbia-malinconia-delusione-solitudine-paura? E per me è sempre affascinante l’espressione delle persone durante la scoperta di se stesse.

Perché tutto ciò? Sei una nutrizionista!

Esatto 😀  e questo fa parte del lavoro del nutrizionista se si vuole aiutare davvero nel processo di cambiamento e di educazione alimentare.

Se capisco che mangio per rabbia dopo che ho litigato con mia mamma o con il collega di lavoro, farò un enorme salto in avanti nel rapporto col cibo, non sarò più in balia delle mie emozioni senza alcun tipo di consapevolezza ma potrò attuare qualche accorgimento che mi aiuterà a non usare gli alimenti come risolutori di problemi.

Se non scopro che il cibo è uno strumento di gestione di quella determinata emozione come posso porre rimedio?

Se non sono cosciente che mangio come reazione ad un sentimento come posso avere davvero la capacità di migliorare la mia alimentazione?

Certo non è sempre semplicissimo, non sempre basta avere la consapevolezza di cosa provo per poter cambiare ma è il primo necessario passo per avere IO il controllo sul cibo e non il cibo su me.

Spesso consegno questa immagine su cui riflettere a casa per scoprire cosa effettivamente scateni l’abbuffata (una volta appurato che non sia semplicemente fame ovviamente).

ruotaemozioni

A quel punto, una volta riconosciuta l’emozione, possiamo lavorare insieme su azioni da compiere per avere lo stesso effetto calmante e le tattiche da attuare cambiano da persona a persona.

Va da sé che come nutrizionista arrivo fino ad un certo punto, qualche volta è sufficiente il mio aiuto altre volte invece ci sarebbe bisogno del supporto psicologico, ma intanto inizio a fissare dei punti che comunque serviranno anche nel percorso psicoterapico.

Stampate la rosa delle emozioni e usatela come bussola per capire chi siete in quel momento e vi consiglio il film animato “Inside out”, vi aprirà nuove prospettive di crescita e capacità di migliorare.

Al prossimo aggiornamento

Carla

2 commenti su “Cibo ed emozioni

  1. elisabettapend
    6 dicembre 2016

    è molto interessante, posso salvarla l’immagine perché a volte mi sento confusa anch’io al riguardo anche se io, per chiudere fuori non sentirle proprio le emozioni, mi sono sempre tenuta fuori anche dal cibo, fuggendolo, ma è comunque, credo, congelare e sedare ‘qualcosa’ che non si vuol sentire…correggimi se ho avuto un pensiero sbagliato che possa in qualche modo avere la stessa matrice di come a molte persone scateni un’abbuffata… grazie dell’articolo ❤

    Liked by 1 persona

    • Carla Frongia
      6 dicembre 2016

      Ciao Elisabetta, assolutamente pensiero più che corretto. Ogni qualvolta il cibo venga usato non solo come nutrimento del corpo ma anche come arma/strumento/premio/ricatto ecc allora sì esattamente la matrice è sempre quella emotiva, poi a qualcuno scatena abbuffata ad altri magari invece “si chiude” lo stomaco o ad altri ancora in modalità ” non posso controllare nulla della mia vita, tutto va a rotoli ed è fuori dal mio potere, almeno il mio corpo e il cibo li controllo io”.
      Piano piano bisogna evolvere nel “sentire” le proprie emozioni nel bene e nel male, vivere il maniera compulsiva o glaciale sono semplicemente due modalità, nessuna giusta e nessuna sbagliata, ma utili per superare un problema in un dato momento. certo a lungo termine diventa una modalità non vincente e piano piano bisogna assolutamente capirla per poi modificarla. grazie a te di questa tua bella e importante testimonianza ❤

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Categorie

Follow La Nutrizionista Carla Frongia on WordPress.com

Statistiche del Blog

  • 83,222 hits

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 104 follower

Follow La Nutrizionista Carla Frongia on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 104 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: